Matteo Cimenti (Enemonzo, 1976)




Cimenti Matteo nasce nel 1976 a Enemonzo, un paesino ai confini dell'Impero. Psicologo di formazione, chitarrista e compositore per passione, ama da sempre la poesia. Le sue poesie sono state segnalate e inserite nelle antologie di vari concorsi e premi letterari nazionali. Nel 2014 esce per Ladolfi la sua prima silloge poetica "La coda del pavone". Come musicista ha pubblicato "After Tea" (Folkest, 2009) e "L'orizzonte degli eventi" (2012). 
INFO: cimentimatteo@libero.it



POESIE

Incipit

l'aveva detto quel tale
e quale, l'aveva detto:
l'oggi t'inchioda e morde
come un cane morde
la propria coda


creazione

L'estetica è forza di gravità
accentra e dispone inconsapevole
elementi sparsi che si annusano
condensano e collimano
nell'invenzione
se sai pescare
nella rete rimane
forse un gioco per persone curiose
di sicuro, un'inspiegabile urgenza

***
chi mai può temere l'Apocalisse
al giorno d'oggi - suvvia non scherzare
credi davvero di meritare tanto?
ben che ti vada direi che al massimo
puoi sperare in una crisi di pianto 

***
Sai bene che vivere così
è un vivere così e basta.
Dietro una maschera di pietra
dietro un acero intarsiato
dietro un dito puntato
sui trattati psicologici
dell'universo umano.
Un ispettore da sempre
sulla scena del delitto
in attesa che il colpevole
posi l'indice sul mio paragrafo e dica:
tu sei qui, e puoi soltanto guardare

Nessun commento:

Posta un commento